Dona il tuo 5 x 1000

mercoledì 31 agosto 2011

Le terre del Giarolo: formaggi, birre d’autore e altre leccornie


Il Giarolo, incastrato come il tassello di un puzzle tra Lombardia, Liguria ed Emilia-Romagna, è la propaggine più occidentale della provincia di Alessandria. È un territorio ricco di prodotti tipici e validi artigiani: frutta, formaggi, salumi, vini e birra trovano qui alte espressioni. Degustazione dei formaggi di Luca Montaldo (Formaggi Sopraffini), del montébore (Presidio Slow Food) di Roberto Grattone (Vallenostra) e del salame nobile del Giarolo in abbinamento alle birre di Riccardo Franzosi del Birrificio Montegioco – tra cui la Quarta Runa con pesche di Volpedo e la Garbagnina con ciliegie bella di Garbagna – e ai vini di Elisa Semino di La Colombera, e di Walter Massa di Vigneti Massa, tra cui spiccherà l’autoctono Timorasso.

Laboratorio del gusto Sabato 17 Settembre LCH12 ore 16:00

CHEESE 2011 a Bra dal 16 al 19 Settembre

Dal 16 al 19 settembre a Bra (Cn) torna Cheese, manifestazione internazionale a cadenza biennale organizzata da Città di Bra e Slow Food Italia. Giunto all’ottava edizione, l’evento dedicato alle forme del latte ha dato il via a una rete internazionale di casari e artigiani che ogni due anni si incontrano per presentare prodotti, incontrare i co-produttori, discutere vecchie e nuove sfide del mestiere, confrontarsi su normative e prospettive offerte dal mercato.

Cheese 2011 illustra e approfondisce la complessità – di sapienze, esigenze, problemi e risorse – legata ai prodotti lattiero-caseari, puntando i riflettori sui tre pilastri su cui si regge l’eccellenza casearia: latti, mestieri, territori. Tre declinazioni al plurale per analizzare le tematiche del settore e leggere la biodiversità casearia, elemento distintivo degli appuntamenti di Cheese.

Il focus di quest’anno è la Francia, che ha sempre tutelato le produzioni a latte crudo, valorizzato il lavoro di casari e affinatori, promosso le diversità territoriali. Le sue eccellenze si trovano in Gran Sala ed Enoteca – 100 formaggi e 150 etichette – e 10 dei 34 Laboratori del Gusto sono interamente dedicati ai prodotti d’Oltralpe, con la testimonianza dei Meilleur Ouvrier de France, il più importante premio per un artigiano francese.
Il Mercato dei Formaggi è il cuore della manifestazione, con centinaia di produttori italiani e stranieri che associano la qualità al rispetto dell’ambiente e delle persone coinvolte nel processo produttivo. Piazza Roma ospita la Via degli affinatori, dove ogni due anni si incontrano i protagonisti, provenienti da tutto il mondo, della rete spontanea nata proprio a Cheese.
Giovani al centro del dibattito sul futuro dei mestieri legati alla pastorizia, con testimonianze e prodotti da non perdere nei Laboratori del Gusto, nei Laboratori del Latte e nella Piazza della Resistenza Casearia. Qui sono ospitati i produttori dei Presìdi italiani del gruppo d’acquisto organizzato da Slow Food, pastori e casari che con tenacia resistono alle difficoltà del mestiere.
Ospiti d’onore di Mercato, Gran Sala e Laboratori del Gusto, i Presìdi Slow Food rappresentano due continenti (Europa e Africa) e decine di nazioni, con piccole produzioni mai presentate a Cheese da Italia, Svizzera, Macedonia e Francia. Tra le novità anche la Piazza della Pizza dove si concretizza l’alleanza tra pizzaioli e Presìdi: oltre alle classiche margherita e verace, è possibile sceglierne altre arricchite con i prodotti tutelati e promossi da Slow Food.

Ricca di attività è l’area Slow Food Educa. Tra le varie proposte, il Master of Food sulla mozzarella per scoprirne tutti i segreti, dalla dimostrazione di filatura all’assaggio, e i percorsi del gusto rivolti alle scolaresche, condotti dagli studenti secondo il metodo della peer education, in cui i giovani si confrontano fra loro, contando sulla collaborazione di adulti esperti.

Occasioni imperdibili per gustare specialità locali e internazionali in ambienti di prestigio, i 13 Appuntamenti a Tavola portano Cheese in dimore storiche e ristoranti di Langa e Roero. La visita a Cheese si completa con una sosta presso i tanti punti ristoro: le Cucine di strada per un tour della penisola con spuntini veloci nel segno della tradizione, i Chioschi Degustazione, dove assaggiare comodamente seduti la cucina di diverse regioni italiane, e la Piazza della Birra con i birrifici selezionati dalla guida alle Birre d’Italia di Slow Food Editore.

Spazio al confronto e all’approfondimento con i Laboratori del Latte dove esperti e operatori del settore declinano le parole chiave latti, mestieri, territori e il pubblico può conoscere esperienze nuove, come quella dei piccoli caseifici aziendali europei che si sono collegati per risolvere al meglio alcuni punti critici della produzione.

Tutti gli appuntamenti, le novità e gli approfondimenti su www.slowfood.it/cheese.

Il programma della manifestazione è scaricabile dal seguente link